Gentile visitatore, questo sito internet utilizza esclusivamente Cookie tecnici: questo tipo di cookie viene utilizzato per garantire il corretto funzionamento del sito web ed questo caso, non è necessario il consenso del visitatore.

Per saperne di più visita il sito http://www.garanteprivacy.it/cookie

ACQUISTA IL NOSTRO LIBRO!!!

E' già disponibile nelle librerie di Formigine, Modena, Sasuolo e Incontri editore

 

Lo puoi trovare anche on-line sui siti di Amazon, Ibs, Inontri Editore ed Editori Modenesi

 
" LE COSE PIù BELLE AL MONDO NON POSSONO ESSERE VISTE O TOCCATE, VANNO SOLO SENTITE CON IL CUORE "

(cit. H.K.)

GRAZIE DI CUORE

A tutti coloro che hanno partecipato al nostro convegno “ IO NON HO FINITO”

Speriamo di aver contribuito, nel nostro piccolo, a diffondere la cultura dell’ hospice e dell’ acccoglienza di coloro che vivono una fase terminale della vita.

La strada per raggiungere il sogno hospice non è finita, ma è solo all’ inizio, speriamo che sempre in di più vogliate camminare con noi. Guarda le foto

Volete diventare soci?

Se avete domande o richieste contattateci direttamente al numero

 

tel. 059 572594             

e-mail : info@amiciperlavita.it

 

 

oppure compilate il modulo online.

 

Novità

I nostri progetti





 

Progetto “INSIEME PER LA VITA SHOW”

amici per la vita in collaborazione con

 

 

 

 

Associazione “Il Gabbiano” e Royal Musical Academy

 

 

l’Associazione Amici per la Vita, al fine di sensibilizzare la cittadinanza sulle tematiche inerenti le malattie gravi, finanzierà per l’anno scolastico 2012/2013 tre progetti di Musica/Danza/Teatro alle scuole primarie dei Comuni di Formigine, Maranello e Fiorano Modenese.

I progetti interesseranno complessivamente 45 classi elementari, oltre 1.000 bambini e si svilupperanno a partire dal mese di Dicembre 2012, fino a Maggio 2013; ogni percorso formativo si concluderà con uno spettacolo finale nei teatri dei comuni coinvolti, il cui ricavato sarà destinato a favore di famiglie “colpite” dalla malattia.

Il “filo conduttore” di questo progetto è la solidarietà tra bambini, attraverso l’arte, il divertimento e il movimento, è possibile dare gioia e conforto ad un compagno di scuola, ad un ami

co, che sta vivendo insieme alla propria famiglia la “malattia”.

 

Progetto “Ambulatorio Amico”

- L'Ambulatorio Amico: ambulatorio con accesso diretto e gratuito che offre un supporto psicologico al paziente e/o ai suoi famigliari nel percorso di malattia con prognosi infausta, sostenendone il disagio, facilitando la comunicazione tra paziente e famigliari e supportando l'eventuale equipe curante durante l'analisi e la verifica dei casi. Oltre a questo, l'ambulator

io offre un supporto psicologico all'elaborazione del lutto (terapia individuale o terapia di gruppo) ai parenti di pazienti deceduti. L'Associazione si propone in tal senso di coprire in parte l'assenza di tale offerta, con l'obiettivo di creare uno stimolo al raggiungimento di una qualità di vita più alta per coloro che vivono questa esperienza così drammatica, nonché di diffondere una cultura dell'assistenza al morente che si basi su un lavoro di rete complesso e qualitativamente approfondito. Rimane ovviamente aperto e auspicato l'invio a tale ambulatorio da parte dei servizi coinvolti nel processo di cura (Assistenza Domiciliare, MdGG, DH Oncologico, Ambulatorio del Motoneurone).

 

Volontari

E'  indispensabile definire  e delineare che tipo di volontariato l'associazione si propone di fare.

Infatti i bisogni di una famiglia che decide di assistere al proprio domicilio un famigliare in condizioni di terminalità sono ampi.

La ns. associazione per scelta ha escluso a priori la risposta ai bisogni sanitari di queste famiglie, focalizzando il bisogno di tipo "solidaristico", relazionale e di "supporto".

All'interno di questa area possiamo evidenziare due ambiti di volontariato:

 

1- VOLONTARIATO "IN FAMIGLIA"

 

° aiuto alla famiglia nelle attività quotidiane

° assistenza, compagnia al malato

° supporto alla famiglia nel "lutto"

 

2- VOLONTARIATO "PER LA FAMIGLIA"

 

° trasporto materiale  vario

° organiz

zazione ricoveri programmati

° consulenza sociale

° attività di segreteria

° attività di promozione

° attività ludiche

 

Abbiamo fissato i criteri e le priorità di applicazione di questi due ambiti, per garantire sia alla famiglia, sia al volontario risposte adeguate ai bisogni e alle diverse situazioni.

gruppi di sostegno dei volontari attivi nelle famiglie: i gruppi si tengono ogni tre settimane, alternando il mercoledì pomeriggio e il sabato mattina. Ogni gruppo vede la partecipazione attiva dei volontari, con una frequenza media di 6 partecipanti a gruppo. I gruppi si sospendono nei mesi di Luglio e Agosto, mantenendo la disponibilità al supporto individuale in caso di necessità.

gruppi di supervisione clinica

ai nuclei infermieristici del Sadi del distretto sud – Sassuolo. Tali gruppi sono stati accreditati dall’Agefor all’interno della formazione per i dipendenti Ausl con la titolazione di “gruppi di miglioramento dell’assistenza domiciliare”. Ogni mercoledì dalle 14.00 alle 16.00 presso l’Assistenza Domiciliare, via F.Cavallotti.

- colloqui di soste

gno psicologico ai pazienti in domiciliare e/o alle loro famiglie su invio degli infermieri del Sadi e/o dei MdGG.

- raccordi psicologico-clinici tra Day Hospital oncologico e il domicilio del paziente oncologico grazie alla collaborazione dei colleghi psicolo

gi del DH.

 

Progetto di musicoterapia

 

La musicoterapia si inserisce all’interno degli interventi non farmacologici e costituisce una pratica che può essere piacevole in seguito all’insorgenza della malattia, influendo positivamente sull’umore; più in generale, gli interventi di musicoterapia in questo campo possono avere effetti benefici su ansia, dolore, umore e qualità della vita delle persone.

 

Obiettivi

- migliorare l'espressione e la comunicazione delle emozioni attraverso la          musica;

- favorire la riduzione dei livelli di ansia e di stress;

- migliorare il controllo del dolore;

sviluppare una buona compliance ai trattamenti

 

Aspetti metodologici

Il progetto di musicoterapia per pazienti oncologiche, si svolge regolarmente il mercoledì pomeriggio, con pausa estiva e nel periodo natalizio e pasquale.

Sede degli incontri è la sala del DH Riabilitativo dell'Ospedale di Sassuolo.

L'attività di musicoterapia è organizzata in incontri di gruppo a cadenza settimanale,



 


della durata di un’ora e trenta ciascuno.

Il gruppo è composto da circa sei pazienti; gli invii sono effettuati dal personale sanitario, in un’ottica di equipe interdisciplinare impegnata in una cura attenta e sensibile, atta a soddisfare i bisogni fisici, psicologici e spirituali sia del paziente che della famiglia.

Per questo motivo si prevedono incontri di verifica intermedia e finale tra musicoterapista,  medici e psicologi.

 

 

Ad ogni nuovo ingresso viene dato un foglio con la consegna di scrivere la propria esperienza musicale. Si tratta di un percorso nella propria memoria musicale, suddividendo le seguenti fasi: primissima infanzia, scuole elementari, medie inferiori e superiori, oggi. Questa attività è svolta sull’ascolto di un brano di musica classica e serve per iniziare a conoscere la persona e la sua musica. Da questa attività emergono tantissimi ricordi musicali (brani di musica classica, canzoni dello Zecchino D’Oro, canzoni dei cartoni animati, filastrocche e ninna nanne infantili, brani di cantautori, cantanti di musica pop, rock, musica etnica, jazz ecc.). Nasce un vasto repertorio da ascoltare e cantare insieme e il gruppo può eleggere una sua canzone che lo identifichi, da ascoltare alla fine e/o inizio di ogni incontro.

Alcune attività proposte:

 

- ascolto di diverse musiche e sequenze musicali e successiva verbalizzazione,

- ascolto e produzione di racconti, poesie, fiabe da parte del gruppo,

- produzione sonoro-strumentale da parte del gruppo con strumenti scelti,

- produzione ritmica da parte del gruppo con strumenti e/o con le mani,

- dialogo sonoro con piccoli strumenti musicali,

- attività con gesti-suono,

- coreografie di semplici danze,

- improvvisazioni vocali (per es. una persona improvvisa su una base ritmica   stabilita in modo non verbale dal gruppo),

- canto.

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© AMICI PER LA VITA ONLUS Via Per Sassuolo 4 41043 Formigine Partita IVA: